Lunedì scorso nel nostro appuntamento con la rubrica Musica e Persone su ClubHouse abbiamo raccontato le nostre chiavi segrete per affrontare la vita e il cambiamento.

Una partecipazione corale condotta da Samuel, Eleonora e dalla sottoscritta, Mara sulle note di Caparezza con Una Chiave.

Come esseri umani siamo caratterizzati da quel che conosciamo, che abbiamo vissuto, dalla nostra personalità, insomma una bellissima complessità che rende ognuno unico.

Nello stesso tempo i sogni ci incantano e decidiamo di costruire nuovi modi di essere e di vivere trasformandoli in progetti ed azioni. In questo movimento verso il futuro cerchiamo di rimanere concentrati sull’oggi e nello stesso tempo abbiamo in nostro passato che può fungere da zavorra o da propulsore.

Quale ruolo giocano le aspettative? Quale chiave usiamo per comprendere e andare avanti?

Si tratta di una riflessione personale, soggettiva, proprio perché, consapevoli della complessità e dell’unicità di ognuno, non possiamo immaginare che esista una via definita e universalmente valida. Ma nonostante questo ci interroghiamo, proprio perché utilizzando il meccanismo della coralità e della condivisione possiamo indagare spaziando sui vari ambiti della vita e su cosa maggiormente ci spinge.

Ma per capire la propria chiave esiste solo una strada?

Ecco il primo punto di riflessione, la consapevolezza che per trovare la giusta strada debbano essere percorse varie vie, conosciute più persone, evitando la staticità. Un approccio che porta ad aumentare la propria conoscenza grazie al contatto con mondi diversi che ci contaminano e arricchiscono.

E la conoscenza di più persone ci aiuta a sviluppare un intuito esperienziale, così da procedere con più scioltezza nella scelta successiva. Un flusso che man mano ci può condurre alla sinergia con il mondo che ci circonda, evitando isolamento o reiterazione dell’abitudine che alla lunga porta inevitabile impoverimento.

E la chiave si declina anche in un altro significato: una chiave per uscire. Dalla prigionia. Dopo aver preso consapevolezza delle barriere che ci poniamo o ci vengono poste. Quindi quali condizionamenti ci impediscono di uscire? Può capitare che ci si senta paralizzati dalla mancanza di prospettiva, dal non vedere nel futuro una possibilità di evoluzione e cambiamento.

La riflessione è che una chiave ci sia sempre, che magari possa aprire verso qualcosa di inaspettato, non sempre bello, ma questo è davvero negativo? Proviamo a guardare da una prospettiva differente, perché anche affrontare situazioni non semplici può portarci a scoprire ‘altro’. In primis i nostri punti di forza.

E allora la chiave diventa sviluppare senso critico: in fondo spesso siamo alla ricerca di qualcosa che ci manca senza magari saper bene cosa. E quindi ancora una volta è nell’esperienza che possiamo cercare.

Il viaggio, che sia fisico o meno, ci permette di trovare l’intonazione giusta per la propria vita, con una raccomandazione: non perdere la capacità di apprezzare quel che abbiamo ottenuto mentre puntiamo verso l’obiettivo.

Quindi, nel viaggio più importante, che è quello della conoscenza di sé, la chiave è anche la consapevolezza del nostro essere e del nostro divenire.

Ma la chiave è anche la curiosità: solo un gesto, il muovere il capo di pochi gradi e guardare oltre. In maniera pura, primordiale, incontaminata. È il senso di stupore che si prova nel farlo e nello scoprire cosa si vede.

Come se ci si trovasse in un film in cui sei tu a poter scegliere il finale.

E in questo ventaglio di possibilità emerge quanto di più bello,

Quindi in fondo a questo scorrere di pensieri liberi, dal mare delle possibilità emerge la consapevolezza che non ci sia un passe-partout e che nella certezza dell’incertezza procediamo giorno dopo giorno a trovare e provare nuove chiavi.

Ti aspettiamo lunedì 17/5 alle 21.30 per il prossimo appuntamento emozionale.

Se vuoi rimanere aggiornato o aggiornata su questa iniziativa non dimenticate di seguire il club SMART WORKING ITALIA su ClubHouse e LinkedIn.

E se ti va, proponici tu una canzone per farci ispirare nel prossimo viaggio in Musica e Persone!